Patrimonio artistico

La Fondazione ha acquisito nel 2006 le oltre seicento opere d’arte che formavano il cospicuo patrimonio della Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone.

Si tratta di dipinti, sculture, grafiche, stampe, suppellettili sacre, oreficerie, mobili, databili dal XVI secolo ai giorni nostri, che costituiscono un insieme di rara bellezza e si pongono come imprescindibile punto di riferimento per chi voglia studiare l’arte friulana, essendo spesso realizzate da grandi maestri, quali ad esempio Pomponio Amalteo e Nicola Grassi, Bernardino Bison e Luigi Minisini, Afro e Mirko Basaldella, Giuseppe Zigaina.

Ad esse si possono aggiungere opere acquistate dal mercato privato o giunte attraverso donazioni, alcune delle quali concesse in comodato e depositate presso i musei di Cividale del Friuli, San Daniele del Friuli, Udine e Pordenone: tra esse, una eccezionale collezione di monete longobarde.

A partire dal 2007 e successivamente al completamento dell’intervento di catalogazione e alla grande mostra “Testimonianze d’arte in Friuli. Capolavori della Fondazione Crup”, inaugurata nel 2008, è stato possibile favorire la sinergia con gli enti locali territoriali rendendo disponibile il patrimonio artistico per le esposizioni temporanee, collettive e monografiche, organizzate a livello regionale e nazionale.

Inoltre dal 2011 è stato sviluppato un progetto proprio di mostra itinerante denominato “Carte Preziose” che propone una scelta di grafiche di artisti regionali presenti nella collezione d’arte esposte in significativi luoghi del Friuli.

‹ Torna a Patrimonio artistico