Mario Micossi, pittore e incisore

La rassegna dedicata all’artista friulano Mario Micossi (Artegna 1926 – Gemona del Friuli 2005) intende mettere in evidenza e valorizzare la vasta ed eterogenea produzione dell'artista. Il percorso espositivo proposto si pone come un “viaggio virtuale” a ritroso nel tempo, attraverso le mete più care a Micossi.

Da Tibet e Nepal, visitati per l'ultima volta proprio nel 2005, anno della sua scomparsa, il percorso prosegue attraverso le metropoli americane, per giungere alle città europee e italiane e concludersi nel cuore del Friuli, attraverso città, paesi, ville, castelli, fiumi, fino alle amate montagne friulane, dove il segno sicuro dell'artista descrive puntualmente il profilo di ogni cima.

All'interno dei cicli pittorici esposti, si collocano alcune opere riguardanti l'approccio storico di Micossi con il Friuli. Il suo forte e precoce interesse per la storia, in particolare quella dei Longobardi, sfocia nelle visioni longobarde mentre alcune opere realizzate subito dopo il sisma del 1976, evidenziano l'intensità con la quale l'artista reagì al tragico evento.

Luogo

Udine, Chiesa di Sant'Antonio Abate

Periodo

Dal 24 aprile 2015 al 7 giugno 2015

Orari

10.00 – 12.30 / 16.30 – 19.00
Lunedì chiuso – Ingresso gratuito

Catalogo

Vai al catalogo ›

La Fondazione contribuisce con le seguenti opere

  • Udine e Alpi Giulie

    Micossi Mario

  • Grande veduta di Alpi Giulie da Aquileia

    Micossi Mario

  • Grande veduta del Canin dai Piani del Montasio

    Micossi Mario

‹ Mostre