Sandro CHIA

Dopo aver già esposto, in vari centri della regione, le opere dei grandi protagonisti europei come Dürer, Piranesi, Toulouse-Lautrec, Picasso e Mirò, e italiani, come Zigaina, la Triennale ci propone l’occasione di conoscere e apprezzare uno degli artisti contemporanei italiani più noti al mondo: Sandro Chia.

Nell'ambito delle rassegne annuali della Triennale Europea dell’Incisione, realizzate con il sostegno della Fondazione Crup, ecco una splendida mostra che documenta il mondo vivido, immaginativo e surreale di Sandro Chia (Alessandro Cecconi, Firenze, 1946).

Caratterizzate da una figurazione fantastica e da una decisa libertà espressiva, le cinquanta opere esposte, scelte direttamente dall’artista, raccontano un’affascinante ricerca nel campo della grafica d’arte con Acqueforti, litografie e collages.

Noto a livello internazionale, è stato uno dei protagonisti della Transavanguardia Italiana, amico personale di Andy Warhol e partecipante attivo della grande stagione di rinnovamento dell’arte internazionale a New York negli anni Ottanta.
 
È stato coinvolto a più edizioni della Biennale di Venezia, con sale personali o nel Padiglione Italia, e alle Biennali di San Paolo del Brasile e di Parigi.
 
La mostra dedicata a Chia, dunque, si colloca perfettamente all’interno del progetto di diffusione della conoscenza dei maestri d’arte incisoria, voluto dalla Triennale Europea dell’Incisione.

Luogo

Passariano, Villa Manin

Periodo

Dal 2 ottobre 2015 al 8 novembre 2015

Orari

martedì - venerdì 15.00 - 18.00
sabato - domenica 10.00 - 19.00

Catalogo

Vai al catalogo ›

‹ Mostre