Soli di notte

Joan Miró (Barcellona 1893 – Palma di Maiorca 1983) è uno degli artisti più significativi e rappresentativi del Novecento: è stato pittore, scultore e ceramista spagnolo, esponente del surrealismo. Il suo lavoro inconfondibile ha attraversato varie fasi profondamente connesse ai luoghi in cui ha operato (Barcellona, Parigi e la campagna catalana) e ai contesti artistici con cui è venuto in contatto, in primis il dadaismo e il surrealismo.

La mostra organizzata dall’Azienda Speciale Villa Manin in collaborazione con la Fondazione Pilar e Juan Miro e la Successiò Mirò, permette di conoscere e approfondire il periodo compreso fra gli anni cinquanta e ottanta, estremamente generosi dal punto di vista creativo.

Villa Manin espone nel Corpo Gentilizio un imponente numero di opere appartenenti a Joan Miró. Di indole taciturna e riservata, nella sua vita Miró ha portato avanti un lavoro di continuo rinnovamento espressivo, senza però mai tradire il suo stile e soprattutto la sua coerenza. 

 

La mostra riunisce un’importante nucleo di opere, molte delle quali mai esposte in Italia, legato ad uno specifico momento del suo lavoro; una fase artistica estremamente fertile e poco conosciuta, racchiusa fra i primi anni cinquanta e la sua scomparsa. Nonostante l’età avanzata è in questi anni nel pieno della sua forza, immaginazione e vitalità, che realizza gran parte della sua produzione artistica. Un lungo intervallo caratterizzato da profondi mutamenti espressivi, con cui la sua opera diventa più libera, forte ed aggressiva. I “suoi colori” e le “sue figure”, lasciano progressivamente spazio al nero e a segni che ricordano primitive scritture. Come egli stesso dichiarerà:

 

Più invecchio, più forte è la tensione. Questo inquieta mia moglie. Più invecchio, più divento folle o aggressivo. Cattivo se vuole!

Luogo

Passariano, Villa Manin

Periodo

Dal 16 ottobre 2015 al 3 aprile 2016

Orari

da martedì a domenica ore 10.00 - 19.00
Aperture straordinarie: lunedì 7 dicembre 2015, lunedì 4 gennaio 2016, lunedì 28 marzo 2016.
Chiuso il 25 dicembre 2015
31 dicembre 2015: chiusura ore 17:00
1° gennaio 2016: apertura ore 11:00

Catalogo

Vai al catalogo ›

‹ Mostre