Cosa facciamo

Eventi

Torna al mese di Aprile 2021

1.04.2021

I care

Online - da febbraio a giugno 2021


Molino Rosenkranz - Regione autonoma Friuli Venezia Giulia - Compagnia teatrale Don Chisciotte -  Circolo Culturale Menocchio - Associazione Noi per Librolandia

Il progetto prevede l’organizzazione di tre laboratori: teatrale, scenografico, video e la realizzazione di uno spettacolo da presentare alla fine del percorso, a giugno 2021. Il laboratorio teatrale è condotto da Luca Maronese, quello scenografico da Roberto Pagura, il laboratorio video da Matteo Sabbadini di Mamais video e comunicazione. L’iniziativa ha raccolto l’interesse e la disponibilità dei dirigenti scolastici, degli insegnanti e soprattutto l’entusiasmo dei ragazzi. Vista la situazione critica in cui anche le scuole stanno operando, le attività previste si svolgeranno in luoghi esterni o in modalità online.

Se ogni storia che si rispetti ha un protagonista, il protagonista della “nostra storia” è l’umanità stessa. Per costruire un ponte tra storia e letteratura, fondiamo questo ponte sulle persone sperimentando linguaggi diversi all’interno di un contesto educativo, stimolando gli allievi alla conoscenza e alla curiosità, partendo da una riflessione guidata su di sé, sui propri sentimenti ed emozioni. Conosciamo e valorizziamo testimoni che, di fronte a un’ingiustizia, hanno detto “NO” influendo in maniera profonda sul corso della Storia, partendo da persone vissute nel territorio del Friuli come Domenico Scandella detto Menocchio, David Maria Turoldo e Pier Paolo Pasolini, in confronto con altre personalità narrate nel libro “Io dico no” di Daniele Aristarco, che racconta la storia parlando di “persone” che con le loro scelte sono riuscite a cambiarne la direzione, a lasciare una traccia. Tutte storie che fungono da stimolo per interrogarsi su come ognuno di noi possa essere protagonista della propria storia e di quella degli altri. Il teatro permetterà a ragazzi, famiglie e insegnanti di confrontarsi su temi quali la storia, la letteratura, la libertà, la cittadinanza, elaborando riflessioni che non appartengono ad una generazione o ad una categoria, ma all’intera comunità che le ha generate.